sabato, Luglio 24, 2021
Home Unghie Come Togliere lo Smalto Semipermanente? Guida Definitiva

Come Togliere lo Smalto Semipermanente? Guida Definitiva

Come Togliere lo Smalto SemipermanenteIl tuo smalto semipermanente è molto rovinato ma non hai il tempo per andare dall’estetista?

In generale sarebbe meglio affidarti ad un professionista in quanto lo smalto semipermanente riesce a resistere sulle unghie per più di tre settimane ed è solitamente antigraffio, molto duro e resistente.

Ma se proprio hai bisogno di rimuoverlo da sola a casa stai tranquilla, con i giusti consigli riuscirai a rimuoverlo senza sforzi e senza rovinare le unghie. Se anche tu vuoi scoprire come togliere lo smalto semipermanente da sola a casa e sapere come mantenere le unghie sempre curate e senza ricrescita, continua a leggere in nostro articolo!

Riceverai anche preziosi consigli che ti consentiranno di prenderti cura al meglio delle tue mani e delle tue unghie.

Cosa mi serve per togliere lo smalto semipermanente?

Togliere lo smalto semipermanente da soli a casa non è difficile, ma bisogna prestare molta attenzione nel farlo per evitare di danneggiare le unghie. Assicurati di usare i prodotti giusti e le tecniche adeguate. In generale, sappi che farlo senza remover può essere molto difficile e pericoloso in quanto rischieresti di strapazzare troppo l’unghia sottostante e di sfaldarla. Prima di togliere lo smalto, ti consigliamo inoltre di lavare accuratamente le mani e di asciugarle bene. In particolare, per togliere bene lo smalto avrai bisogno di:

  • Una lima non troppo abrasiva per preparare l’unghia al trattamento: accorcia l’unghia, limane delicatamente la superficie senza effettuare troppa pressione e rimuovi il coat lucido per permettere all’acetone di penetrare nello smalto.
  • Del solvente per unghie, preferibilmente acetone puro
  • Dei dischetti struccanti
  • Della carta stagnola

Dopo aver lavorato l’unghia con la lima, prendi un dischetto di cotone, dividilo a metà e bagnalo con dell’acetone prima di posizionarlo sull’unghia dalla quale desideri togliere lo smalto. Prendi un foglio di carta alluminio, tagliala in tanti pezzetti e avvolgi bene le dita per fissare il dischetto di cotone imbevuto. Lascia agire l’impacco per almeno 15 minuti. Questa procedura consentirà allo smalto semipermanente di ammorbidirsi e di essere raschiato via delicatamente dalle unghie con l’aiuto di un bastoncino di legno.

unghie

Come togliere lo smalto semipermanente senza rovinare le unghie

  • Non limare le unghie con troppa forza e senza remover: oltre a togliere il gel, potresti rischiare di sfaldare l’unghia
  • Lascia agire l’impacco per il tempo necessario: 15 minuti sono il giusto compromesso. Se lo lasci agire per un periodo di tempo più breve, potrebbe non avere l’efficacia desiderata. Se, al contrario, lo lasci in posa per più di 15 minuti, l’acetone rischierebbe di rovinare l’unghia.
  • Lava per bene le mani e pulisci le unghie dopo la rimozione.

Curare le unghie indebolite

Togliere lo smalto semipermanente potrebbe essere molto stressante per le tue unghie rendendole fragili e indebolite. Pertanto, sarà necessario prendersene cura a dovere. L’acetone, infatti, dopo aver rimosso lo smalto, tende a lasciare l’unghia e le cuticole circostanti molto asciutte e secche. Per questo motivo, ti consigliamo di lasciare respirare le tue unghie per un po’ tra un’applicazione di smalto semipermanente e un’altra. Ecco come curare le tue unghie al meglio dopo aver tolto lo smalto semipermanente:

  • Prima di tutto dovresti limarle con estrema delicatezza con una lima in cartone.
  • Ricordati inoltre di applicare uno strato abbondante di crema idratante per mani e unghie.
  • Un’idea potrebbe essere anche applicare regolarmente su unghie e cuticole un olio rinforzante come l’olio di Jojoba, di mandorle o di cocco, per rendere le unghie più forti ed elastiche.

smalto-semipermanente

Curare mani e unghie con rimedi fai-da-te

Se vuoi creare a casa un impacco rigenerante per mani e unghie indebolite dallo smalto semipermanente potresti mischiare a due cucchiaini della tua crema mani dell’olio essenziale di lavanda, un cucchiaino di olio d’oliva e una banana schiacciata. Dopo aver frullato tutto insieme, spalma il composto sulle mani e lascialo agire per 30 minuti. Un consiglio: se indossi un paio di guanti in lattice o in gomma, permetterai al composto di penetrare più in profondità oltre ad evitare di sporcare tutto. Se sei interessata ad altre ricette di bellezza per curare e rinforzare le unghie continua a leggere!

1) Olio di ricino

L’olio di ricino è un ottimo rinforzante naturale per unghie e capelli. Se lo mischi a qualche goccia di olio d’oliva, potresti creare un mix estremamente nutriente per regalare forza e vigore alle tue unghie danneggiate dopo la rimozione dello smalto semipermanente. Potreste anche creare uno smalto extra nutriente mischiando una pari quantità dei due oli in una boccetta.

2) Tea Tree Oil

Abbiamo spesso sentito parlare dell’olio dell’albero del tè e delle sue proprietà antisettiche e antibatteriche. Ciò che probabilmente non sai, è che questo olio miracoloso è anche l’ideale per rinforzare unghie e cuticole dopo la rimozione dello smalto semipermanente. Aggiungi un paio di gocce a dell’acqua in una bacinella per un maniluvio nutriente e rinforzante.

Tea Tree Oil

3) Aloe Vera

Grazie alle sue proprietà purificanti, rigeneranti ed idratanti, l’aloe vera è un vero portento quandi si parla di beauty care. Per curare e rinforzare le unghie dopo aver rimosso lo smalto semipermanente potresti creare un impacco a base di gel d’aloe e olio d’oliva. Applica uniformemente il composto sulle unghie e lascia agire per qualche minuto.

4) Burro di Karitè

Unisci del burro di Karitè a dell’olio di cocco o dell’olio d’oliva per un impacco estremamente nutriente. Se applicato con regolarità sulle unghie, potrai rinforzarle in breve tempo in maniera del tutto naturale.

5) Maschera per unghie con bicarbonato e miele

Per rinforzare le tue unghie indebolite e sfaldate potresti realizzare una maschera a base di bicarbonato, miele e olio d’oliva. Mischia insieme i tre ingredienti, applica il composto sulle unghie e lascialo agire almeno per una decina di minuti. Un’altra soluzione per rinforzare le unghie potrebbe essere fare un maniluvio con acqua e bicarbonato.

Ecco, quindi, come rimuovere lo smalto semipermanente a casa

In conclusione, se hai dubbi su come togliere lo smalto semipermanente da sola a casa ti consigliamo di rivolgerti a un professionista del mestiere. Se, invece hai già la giusta dimestichezza o necessiti di un intervento tempestivo, assicurati di farlo nel modo più delicato possibile per evitare di danneggiare le tue unghie. Ricorda che farlo senza remover potrebbe essere molto rischioso per la salute delle unghie. Dopo la rimozione, inoltre, ricordati sempre di curare le tue mani adeguatamente utilizzando creme idratanti o rimedi naturali.

Giovanna Costahttps://mirodia.it
Appassionata di cosmesi sin da piccola, tanto da averne fatto il suo percorso non solo di studi, ma anche di vita, a Giovanna Costa dobbiamo nientepopodimeno che l’ideazione di questo blog.

Gli ultimi articoli