domenica, Novembre 28, 2021
HomeUnghieCome Curare la Micosi alle Unghie? - La Guida Definitiva

Come Curare la Micosi alle Unghie? – La Guida Definitiva

Come Curare la Micosi alle UnghieOggi parliamo di una problematica davvero fastidiosa, e siamo certi che sapere come curare la micosi alle unghie vi renderà davvero felici.

La micosi delle unghie, infatti, non è solo antiestetica, ma anche davvero fastidiosa e difficile da curare in modo definitivo. Insomma, una vera e propria piaga.

Ed ecco perché, oggi, abbiamo deciso di preparare per voi una vera e propria miniguida con tutti i consigli utili per capire come curare la micosi alle unghie e liberarsi una volta per tutte di questo fastidioso problema.

Pronti? Cominciamo!

Come riconoscere la micosi, e quali sono le cause

Partiamo subito da una buona notizia: riconoscere e curare la micosi alle unghie è estremamente facile, in quanto le unghie presenteranno un caratteristico colorito giallo. Insieme a questo sintomo, che è comune a tutti i casi di onicomicosi, potreste notare altri effetti indesiderati come l’ispessimento e l’indurimento dell’unghia. Si tratta di tutti sintomi piuttosto evidenti, il che vi consentirà di affrontare il problema non appena si presenta.

Le cause? L’onicomicosi è un vero e proprio fungo, che quindi si trasmette per contatto. Potreste aver camminato senza ciabattine in una piscina, oppure il vostro centro estetico ha avuto dei problemi con la disinfezione degli strumenti. O ancora, qualcuno con un’onicomicosi potrebbe essersi provato le vostre stesse scarpe prima di voi.

Come curare la micosi alle unghie con i farmaci

Veniamo a un’altra buona notizia: per curare la micosi alle unghie, generalmente, basta un farmaco da banco. Il mercato offre, infatti, diverse opzioni davvero efficaci, come Onlilaq e Locetar, a base di amorolfina, o Trosyd, Batrafen o Niogermoz, tutti e tre noti per essere potenti antimicotici. Quindi, solo nei casi più gravi – e più rari – è necessario l’intervento del medico. Questo però non significa che basterà spalmare un olio o una pomata per risolvere il problema. Al contrario, è la modalità con cui seguite la cura ad avere una grande importanza, ragion per cui dovrete seguire le indicazioni con una certa attenzione.

“Liberare” le unghie

La prima cosa che dovete fare quando volete curare una micosi, è quella di liberare l’unghia così da far penetrare il trattamento. In che senso? Le unghie affette da onicomicosi tendono a inspessirsi. Abbiamo detto che non è un sintomo sempre presente, ma in verità è piuttosto frequente. E in generale, se notate un inspessimento o delle macchie, sappiate che dovete prendervene cura. Applicare il medicinale sulla parte inspessita, poiché si tratta di materia morta, non vi aiuterà in alcun modo a risolvere il problema.

In primo luogo, quindi, armatevi di una lima in cartone e cominciate a passarla sulla superficie dell’unghia. Passatela delicatamente, ma non fermatevi finché non vedete l’unghia riprendere il suo colore naturale. Attenzione: per evitare di creare microrotture sulla superficie delle unghie, fate prima un pediluvio a base di acqua tiepida, tenendo i piedi in ammollo per almeno 20 minuti. Una volta asciugati i piedi, procedete a limare.

ammollo

Ancora: se tendete a portare le unghie dei piedi leggermente più lunghe, per ragioni estetiche o di comodità, prendete in considerazione l’ipotesi di tagliarle. Questo anzitutto perché, in alcuni casi, la micosi può trovarsi anche solo sulla parte superiore delle unghie, e quindi tagliandole eliminereste completamente il problema. Ma anche quando non sia così, il taglio consente al medicinale di arrivare più facilmente sotto l’unghia. Insomma, tutti buoni motivi per armarvi di tronchesine.

Prestare attenzione anche ad altre patologie

Spesso la micosi delle unghie non è che il sintomo di alcune patologie pregresse che indeboliscono il sistema immunitario rendendolo più esposto anche a piccoli disturbi come questo. Alcuni esempi? Problemi di circolazione e diabete. Se avete una micosi alle unghie, insomma, è il caso di avvisare il vostro medico per verificare che non ci siano anche altri sintomi che possono far pensare a una di queste patologie. Attenzione anche al fumo e al consumo di alimenti ad alto tasso infiammatorio, come gli zuccheri e il caffè.

Le cose da fare durante il trattamento

E ora, veniamo purtroppo a una cattiva notizia: la micosi delle unghie è un disturbo che, se non è difficile da eliminare, richiede però molto tempo. Nella maggior parte dei casi parliamo di 3 o 4 mesi. E naturalmente, durante tutto questo tempo dovrete stare attenti a curarvi al meglio e non peggiorare il problema, o addirittura a non autoinfettarvi trasferendo la micosi sulle altre unghie. Cosa fare allora?

  • Un pediluvio disinfettante al giorno: ogni giorno, specie di sera quando tornate a casa, è bene fare un pediluvio disinfettante. Vi basta mettere alcuni cucchiai di bicarbonato in una bacinella d’acqua e immergere i piedi per 30 minuti. Il bicarbonato ha, infatti, un certo potere disinfettante e antisettico che aggredirà giorno per giorno la micosi aiutandovi a curare il problema;
  • Disinfettare scarpe e calzini: come ben sapete ormai, la micosi delle unghie si trasmette per contatto, oltre che a causa di un sistema immunitario compromesso. Appena scoprite il problema, allora, disinfettate tutti i calzini facendo un lavaggio a 90 gradi – e disinfettate poi anche l’interno della lavatrice con un ciclo a vuoto a cui dovrete aggiungere della candeggina – ed eliminate ogni traccia di batteri dalle scarpe. Potete spruzzare un disinfettante spray al loro interno, o se prediligete i rimedi naturali, utilizzare il vapore.

calzini

Alla fine di ogni pediluvio, applicate una crema che sia, al contempo, idratante ed emolliente. Vi aiuterà a non soffrire troppo i fastidi legati all’inspessimento delle unghie. Attenzione: applicate sempre il trattamento antimicotico dopo il pediluvio, quando le vostre unghie e la vostra pelle sono più morbidi ed è più facile far penetrare il medicinale, e prima della crema idratante, così che questa non crei una barriera che impedisce al farmaco di penetrare a fondo.

Esistono dei rimedi naturali?

Se avete un problema di micosi delle unghie da curare, e allo stesso tempo siete contrari all’uso dei farmaci, sappiate che esistono anche diversi rimedi naturali a cui potete ricorrere. Sono molti, in natura, gli elementi che hanno un certo potere disinfettante. In questo caso, restano validi gli altri consigli: è bene fare molti pediluvi, usare il bicarbonato – è un rimedio naturale anche lui – ed eliminare lo strato superiore delle unghie. Ciò che cambia è il tipo di prodotto che dovete utilizzare.

Il tea tree oil: sempre efficace su ogni infiammazione

Cura dall’erpes alla pelle secca e, si anche l’onicomicosi. Il il tea tree oil, un olio che, come dice anche il suo nome, deriva dall’estrazione degli oli essenziali dalla pianta del the. Dalle note proprietà disinfettanti – e quindi ideali per curare un fungo – tra i suoi attivi annovera anche dei principi con un potere lenitivo e antinfiammatorio che aiuta a combattere gli effetti della micosi. È possibile ordinarlo sia in forma pura, da applicare con un cotton fiocc, sia in confezioni con già un applicatore simile allo smalto, e in questo caso, di solito, è diluito.

Aglio, bicarbonato e limone: l’antibiotico della natura

Sono i disinfettanti naturali per eccellenza, validi anche nel caso del trattamento della micosi delle unghie, e la buona notizia è che probabilmente li troverete facilmente a casa: parliamo di bicarbonato, limone e aglio. Antibatterico naturale, l’aglio viene utilizzato da chi ama curare il proprio corpo in modo naturale addirittura come antibiotico, in combinato con le gocce di limone e, per potenziare l’effetto disinfettante, dopo aver fatto un pediluvio a base di bicarbonato. Attenzione però: caratteristica di tutti i rimedi naturali è che, per via della loro concentrazione, inferiore rispetto ai farmaci, vanno applicati con maggiore frequenza, almeno due o tre volte al giorno.

limone

Come evitare l’onicomicosi

E allora: in questo articolo abbiamo imparato come curare la micosi alle unghie. Già, ora che siete guariti? Bisogna assolutamente prevenirne la ricomparsa, dato che il vostro organismo ha dimostrato una certa predisposizione, no? Bene. Allora, come fare per curare le unghie sempre, in modo da tenere la micosi alla larga? La parola chiave è: igiene. Ad esempio, frequentate una piscina? Procuratevi delle ciabatte in gomma – non le solite flip flop: usatene un paio con la suola alta – così che la pelle del piede non tocchi mai terra. Usatele anche nello spogliatoio quando fate la doccia.

E attenzione, quando vi asciugate, a non mettere mai il piede sulla panca senza avervi prima appoggiato sopra un’asciugamani. Ecco, a proposito di asciugamani, sia che andiate in piscina, sia che andiate in palestra, non metteteli mai nella borsa insieme agli altri indumenti, ma sempre in un’area separata, così come dovete separare anche scarpe e calzini. Valgono le stesse regole per la palestra: mai pelle nuda, doccia sempre con le ciabatte, mai poggiare i piedi su qualche superficie senza averli coperti. Una volta alla settimana, disinfettate l’interno delle vostre scarpe. E se volte comprarne di nuove, ricordate sempre di provarle avendo addosso le calze.

Giovanna Costahttps://mirodia.it
Appassionata di cosmesi sin da piccola, tanto da averne fatto il suo percorso non solo di studi, ma anche di vita, a Giovanna Costa dobbiamo nientepopodimeno che l’ideazione di questo blog.

Gli ultimi articoli