lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeCapelliShatush - Cos'è e Come si Fa?

Shatush – Cos’è e Come si Fa?

shatush-cos-e-e-come-si-fa

Vi piacciono le novità e state cercando un modo per cambiare la vostra chioma e ottenere un look fresco e alla moda?

Bene, in tal caso i capelli con shatush sono sicuramente quello che fa per voi.

Lo shatush è molto richiesto nei saloni ultimamente, perché, oltre ad illuminare il viso, è una tecnica semplice che non richiede particolari attenzioni.

Non sapete di cosa si tratta?

Continuate a leggere e vi spiegheremo tutto in dettaglio.

Speriamo che dopo la lettura del nostro articolo riusciate ad ottenere il cambiamento che desiderate e sembrare delle regine!

Cos’è lo shatush

Quando parliamo di shatush, ci riferiamo a un nuovo trattamento per capelli simile al balayage che mira a schiarire i capelli. Sebbene abbiano delle caratteristiche comuni, i due trattamenti presentano però alcune notevoli differenze, che menzioneremo nel prossimo paragrafo.

Lo shatush sui capelli è un trattamento ideale per chi desidera uno stile fresco, cool e poco esigente. E se siete alla ricerca di un look naturale, lo shatush è davvero l’alternativa perfetta per voi.

In questo senso, l’effetto ottenuto con questa nuova tecnica di schiaritura dei capelli è simile a quello prodotto dall’acqua salata e dal sole sulla spiaggia. Tuttavia, dura molto più a lungo e richiede meno manutenzione rispetto ad altri trattamenti.

In breve, la tecnica dello shatush è una nuova forma di decolorazione dei capelli, in cui i riflessi sottili vengono realizzati a partire dalla radice dei capelli. In genere, sono di due o tre toni più chiari del colore naturale dei capelli. In questo modo, la chioma dona più luce al viso, con un aspetto più naturale rispetto ad altri trattamenti.

Qual è la differenza tra shatush e balayage

La differenza tra shatush e balayage sta nella naturalezza di questo trattamento. Tuttavia, esistono delle analogie con il balayage, in quanto anche questo trattamento prevede una schiaritura dei capelli. La finitura ottenuta con lo shatush somiglia però molto di più a quella ottenuta grazie all’esposizione prolungata ai raggi solari.

Inoltre, nell’effetto shatush, questi riflessi leggeri tendono ad avere uno spessore molto più fine rispetto al balayage. D’altra parte, la schiaritura viene effettuata già dalla parte superiore dei capelli, mentre nel balayage viene effettuata a partire dalle medie lunghezze fino alle punte.

Ci sono anche differenze nel modo in cui i capelli vengono trattati, poiché nello shatush i capelli vengono pettinati prima della procedura. Nel balayage, invece, l’applicazione avviene a forma di stella, dividendo i capelli in cinque ciocche.

Infine, lo shatush è adatto a tutti i tipi di capelli, cosa che non si può dire del balayage.

NOTA: nonostante le loro differenze, entrambi sono trattamenti che devono essere accompagnati e mantenuti con una buona cura dei capelli.

come-si-fa-lo-shatush

A chi sta bene lo shatush

Innanzitutto, chiariamo una credenza comune: i capelli biondi con shatush sono bellissimi, senza dubbio, ma non sono l’unico tipo di capelli che si adatta a questa tecnica! Il trattamento, infatti, ha un’ampia gamma di tonalità, per cui può essere applicato a chiome di vari colori.

Così, lo shatush per capelli scuri viene effettuato con una gamma di sfumature che variano dal nocciola, al marrone rossiccio, alle varie sfumature di castano.

Le castane più chiare possono optare invece per il biondo cenere, il miele, il dorato e persino per uno shatush sui capelli color caramello.

Inoltre, l’applicazione sui capelli biondi richiede solitamente tonalità più chiare per ottenere un effetto shatush naturale. Per una maggiore intensità si possono usare anche tonalità come il biondo platino.

Infine, anche le chiome dai toni rossastri possono trarre beneficio da questo trattamento. Per ottenere buoni risultati, il tono naturale viene leggermente schiarito sui capelli lunghi, mentre si aggiunge intensità sui capelli corti.

Come si fa lo shatush

Che vogliate lo shatush sui capelli scuri o chiari, non preoccupatevi, perché questa è una tecnica ideale per tutti i colori di capelli. Tuttavia, per ottenere un risultato perfetto, si consiglia di rivolgersi a un professionista.

In questo caso, il parrucchiere vi dirà quali ciocche devono essere schiarite e in quante tonalità verrà effettuata la decolorazione.

Per l’applicazione, il professionista seleziona le ciocche asciutte e le pettina. Quindi, il colore viene distribuito su ciascuno di esse, a una distanza di circa 10 cm dalla radice dei capelli.

Il passo successivo consiste nell’attendere il raggiungimento della giusta tonalità. Dopodiché si procede rimuovendo il prodotto e asciugando i capelli. Inoltre, è consigliabile non schiarire più toni in una volta sola, ma farlo gradualmente, per ridurre i danni arrecati alla ciocca di capelli.

Quanto dura lo shatush

Grazie al tipo di tecnica e alla distanza che viene lasciata tra la radice dei capelli e la zona schiarita, il trattamento dura solitamente circa 3 mesi senza bisogno di ritocchi. Questo è senza dubbio un altro dei vantaggi che lo shatush offre a chi ama sfoggiare sempre un look fresco e alla moda senza tanti sacrifici.

D’altra parte, l’applicazione del trattamento può richiedere dalle 2,5 alle 3 ore, quindi se desiderate un cambiamento di questo tipo, assicuratevi di avere abbastanza tempo libero per farlo.

shatush-si-puo-fare-senza-problemi

Domande frequenti

Ora che sapete cos’è lo shatush, sarete sicuramente pronte a farlo sui vostri capelli. Ma prima di procedere con il trattamento è bene saperne di più su questo trattamento per risolvere tutti i dubbi in merito.

Ma non preoccupatevi: ecco la risposta ad alcune delle domande che il popolo di internet si pone più frequentemente al riguardo. Continuate a leggere e sarete in una botte di ferro!

Quanto costa fare lo shatush?

Il costo di un trattamento shatush dipende dal salone a cui ci si rivolge e, in alcuni casi, dalla lunghezza e dalla quantità dei vostri capelli. Tuttavia, il prezzo varia generalmente da 60 a 120 euro.

D’altra parte, ricordate che a questo valore si aggiunge il costo della piega e del taglio, nel caso in cui ne abbiate bisogno.

Come fare lo shatush a casa?

Se volete ottenere l’effetto shatush da soli a casa, potete senza dubbio provare. Tuttavia, è importante avere una certa esperienza nell’applicazione di decoloranti e tinture ai capelli per evitare di danneggiare la vostra chioma.

Inoltre, è essenziale che i prodotti utilizzati per il trattamento siano di alta qualità, in quanto ciò garantirà un risultato migliore. Una volta chiarito questo aspetto, passiamo alla fase successiva. Ecco come fare lo shatush da soli a casa:

  1. Pettinare e districare molto bene i capelli.
  2. Dividere i capelli in quattro sezioni di uguale spessore.
  3. Iniziare a decolorare dalla parte superiore dei capelli, lasciando però uno spazio di circa 10 centimetri dall’attaccatura.
  4. Attendere il tempo necessario a seconda della schiaritura che si desidera ottenere. Per schiarire di due o tre toni sono sufficienti 15 minuti. Mentre per quattro tonalità bisogherà attendere mezz’ora.
  5. Prima di risciacquare i capelli, è possibile spostare il prodotto un po’ più vicino alla radice per qualche minuto. Ciò vi consentirà di ottenere un look più naturale.
  6. Risciacquare accuratamente i capelli con abbondante acqua per rimuovere il prodotto.
  7. Lavare i capelli e asciugarli.

Posso fare lo shatush se sono incinta?

Non è un segreto che l’uso di coloranti e sostanze chimiche sia generalmente sconsigliato alle donne in gravidanza. Tuttavia, nel caso dello shatush, si può fare senza problemi. Il motivo è che il prodotto non entra a contatto con le radici dei capelli e quindi con il cuoio capelluto.

Si raccomanda alle donne in gravidanza di evitare di esporsi al forte odore di questi prodotti. A tal fine, è consigliabile utilizzare maschere speciali per evitare che entrino nell’apparato respiratorio.

Allo stesso tempo, si consiglia loro di rivolgersi a uno specialista e di segnalare la situazione in anticipo, in modo che possa essere trattata nella maniera più adeguata e con le giuste precauzioni.

Lo shatush può danneggiare i miei capelli?

Tutte le donne che hanno fatto i colpi di sole sanno quanto siano forti le tinture e le decolorazioni per capelli. Se non eseguite bene o fatte troppo di frequente queste possono, infatti, indebolire e spezzare i capelli. Per questo motivo, molte donne sono alla ricerca di tecniche meno aggressive per evitare di cadere nuovamente vittime di trattamenti così forti.

Il trattamento per ottenere lo shatush è un po’ meno dannoso per i capelli rispetto agli altri metodi di decolorazione. Quindi, se desiderate un look naturale che non comprometta eccessivamente la salute dei vostri capelli, per voi questa è una delle opzioni migliori sul vassoio.

In ogni caso, dopo il trattamento si raccomanda di curare bene i capelli con maschere e trattamenti rigeneranti che ne stimolino la crescita e li rafforzino, al fine di ottenere un aspetto migliore.

Inoltre, se in passato avete provato prodotti chimici, tinture o altri prodotti, cercate di migliorare la salute dei vostri capelli per ottenere un risultato più naturale, sano, brillante e duraturo.

giovanna
Giovanna Costahttps://mirodia.it
Appassionata di cosmesi sin da piccola, tanto da averne fatto il suo percorso non solo di studi, ma anche di vita, a Giovanna Costa dobbiamo nientepopodimeno che l’ideazione di questo blog.

Gli ultimi articoli