domenica, Giugno 13, 2021
Home Viso Come Eliminare i Punti Neri - La Guida Definitiva

Come Eliminare i Punti Neri – La Guida Definitiva

Come Eliminare i Punti NeriAvete mai notato, studiando la vostra pelle, dei piccoli rigonfiamenti con un puntino nero al centro, oppure, sulla punta del naso, dei pori dilatati che sembravano di un colore più scuro rispetto alla vostra pelle?

Complimenti – si fa per dire – vuol dire che avete dei punti neri. Niente panico però, non si tratta di un problema irrisolvibile, né di un inestetismo come l’acne, che lascia cicatrici e richiede lunghe cure per essere mandato via.

I punti neri si formano a causa di un accumulo di sebo, cellule morte e smog che vanno naturalmente a infilarsi all’interno dei pori dilatandoli e ossidandosi all’aria, così da assumere il caratteristico colore scuro.

Come abbiamo detto, però, imparare come eliminare i punti neri dal viso, specie dal naso, non è assolutamente un problema, anzi.

Oggigiorno esistono tantissimi metodi, così che tutti possano trovare quello che fa più al caso proprio.

Ed ecco perché, in questo articolo abbiamo voluto provare a fornirvi una mini-guida dei più gettonati. Insomma, non vi resta che mettervi comodi e cominciare a leggere!

Perché vengono i punti neri

Abbiamo appena detto che la causa dei punti neri è un accumulo di sebo e sporcizia che va ad inserirsi nei pori, spesso provocandone la dilatazione. Già, ma perché tutto questo? Ebbene, scoprire le cause è il primo modo per eliminare efficacemente i punti neri, dal momento che consente di avere un approccio mirato al problema che permette un’adeguata prevenzione. In altre parole: una volta finito di eliminare questi inestetismi dal viso, se sapete qual è la causa del vostro problema potrete agire efficacemente per non farli tornare più. Capire come eliminare i punti neri, cioè, significa anche capire come nascono.

Tra le cause principali dei punti neri troviamo anzitutto una pelle naturalmente oleosa. La pelle grassa, che tende a produrre molto sebo, è ovviamente quella in cui è anche più facile che il sebo si accumuli nei pori. Attenzione: potremmo avere questo problema anche se utilizziamo un detergente troppo aggressivo proprio perché abbiamo la pelle grassa. Ciò in quanto un’eccessiva aggressività provoca un effetto chiamato rebound, che porta la pelle a produrre ancora più sebo.

Seguono poi la tendenza a non struccarsi prima di andare a dormire – una pessima abitudine che crea letteralmente un tappo sui pori – e quella ad applicare creme idratanti troppo grasse. Ma anche, l’abitudine a mangiare cibi che provocano irritazioni nella pelle, perché queste portano naturalmente a stimolare la produzione di sebo.

mangiare

Come eliminare i punti neri: i metodi principali

Ora che conosciamo le cause, passiamo alla cura, andiamo cioè a imparare davvero come eliminare questo fastidioso problema. Ve lo abbiamo già anticipato nell’introduzione: i metodi per eliminare i punti neri sono diversi, e tutti possono trovare quello che fa più al caso proprio. Dall’aiuto di un estetista a specifici prodotti di bellezza, ma anche veri e propri rimedi della nonna. Curiosi di conoscerli? Cominciamo!

1) Pulizia del viso casalinga con il vapore

È uno dei rimedi più antichi e più efficaci. Quello che è importante sapere sull’eliminare i punti neri dal viso, infatti, è che l’unico rimedio è la rimozione meccanica. In poche parole, non sono come i brufoli, che possono riassorbirsi nella pelle. Il tappo di sebo va necessariamente estratto. E uno dei modi più efficaci di eliminare i puntini è far bollire una pentola piena d’acqua, e poi spegnere il fuoco, mettervi un asciugamani sulla testa badando a che copra anche la pentola, e rimanere a contatto con il vapore per almeno 10 minuti, meglio se 15. L’effetto del vapore caldo è quello di ammorbidire la pelle, ma soprattutto aprire i pori.

A questo punto mettetevi davanti allo specchio del bagno o, se ne avete uno, a uno specchio per il make-up, di quello che hanno un leggero effetto zoom, e spremete tutti i pori uno per uno, eliminare i punti neri funziona proprio così. Cominciate dal naso e dai lati delle narici, i punti più problematici. Proseguite poi con le guance, con la parte alta del mento, e infine la fronte.

Una volta che non vedete nemmeno più un punto nero, fate un leggero scrub – se siete fan dei prodotti naturali potete anche usare il bicarbonato di sodio, che è anche igienizzante – e chiudete i pori lavandovi con acqua molto fredda o, ancora meglio, passando un cubetto di ghiaccio sul viso.

2) Carchoal e altri patch per i punti neri

Degli effetti benefici del carchoal si sente molto parlare soprattutto nell’ultimo periodo, dato che le aziende cosmetiche hanno riscoperto l’efficacia di un rimedio che le nostre nonne conoscevano già da tempo: il carbone. Il carbone ha un leggero effetto disinfettante, ma soprattutto è estremamente utile per assorbire tutte le materie oleose, tanto che un tempo si utilizzava anche per lavare il bucato. Oggi la combinazione tra rimedi della nonna e nuove tecnologie ci offre invece una soluzione più comoda: i patch per il viso a base di carbone.

Carchoal

Come funzionano? Si applicano nelle zone interessate, cioè dove avete dei punti neri, e si lasciano agire per qualche minuto. Gli attivi al loro interno intrappolano il tappo di sebo, incollandolo al patch. In questo modo, quando vengono rimossi, il punto nero viene via insieme al prodotto, andando così a eliminare il tappo di sebo gentilmente, senza schiacciarli.

Dopodiché bisogna effettuare una detersione accurata per rimuovere ogni eccesso di prodotto e i residui di sebo, e chiudere i pori con un tonico o con del ghiaccio. Informazione importante: anche se i patch più efficaci sono quelli con il carchoal, ne esistono diversi anche con altri tipi di attivi.

3) Una buona esfoliazione con pulizia del viso

esfoliazioneIn alcuni casi, la situazione è davvero grave. Parliamo delle pelli molto grasse in cui c’è un grosso accumulo di punti neri che è sconsigliato rimuovere da soli, e rispetto ai quali i patch possono fare relativamente poco, nel senso che non saranno mai in grado di risolvere completamente il problema. In questi casi, l’unico consiglio è quello di prenotare una pulizia del viso. Utile soprattutto quando avete anche dei brufoli sottopelle da eliminare dal naso e in generale dal viso, una pulizia del viso professionale ha il vantaggio di raggiungere anche i punti che voi potreste non vedere.

Inoltre, è un trattamento che non si limita a eliminare i punti neri, ma che comincia con una buona esfoliazione del viso, e termina con una maschera purificante. L’esfoliazione rimuove lo strato più superficiale della pelle, facendo in modo che i punti siano più visibili e più facili da rimuovere ma anche, dopo la rimozione, che il poro risulti più piccolo e quindi meno visibile. Il trattamento purificante finale, invece, vi garantisce una pelle pulita più a lungo. Il vantaggio? Sarete sicuri che la pelle è davvero pulita, e vi basterà curare bene il vostro viso per prevenire la ricomparsa del problema.

4) Utilizzare un apposito tool

Veniamo a una soluzione “divertente” per eliminare i punti neri, specie dal naso e dal viso in quelle zone come fronte e zigomi: alcuni trovano particolarmente comodi degli strumenti progettati appositamente per eliminare i punti neri dal naso e dalla fronte. Si tratta in particolare di due tipi di articoli: uno si preme sulla pelle per spingere il punto nero a uscire naturalmente e poi, grazie a un’apposita testina che ricorda molto il lazo dei cowboys, lo cattura rimuovendolo definitivamente.

Altri, invece, lavorano tramite suzione. In poche parole “succhiano” la pelle nell’area interessata così che i punti neri escano fuori e possano poi venire rimossi con una salvietta. Anche in questo caso, quindi, vengono via senza schiacciarli. Non si tratta di rimedi particolarmente efficaci se si hanno molti punti neri, ma sono un modo divertente di prendersi cura della propria pelle quando si hanno piccole imperfezioni, e in più sono più delicati rispetto allo “strizzaggio” manuale.

Come evitare che i punti neri si riformino dopo aver pulito il viso

Capire come eliminare i punti neri non significa solo far uscire il tappo di sebo dal poro dilatato, ma anche e soprattutto lavorare ogni giorno per evitare che si formino. Eh già, perché mai come nel caso dei punti neri eliminazione fa rima con prevenzione. Ogni giorno sul nostro viso si accumula un certo quantitativo si sebo e smog, e ogni giorno, quindi, siamo soggetti al rischio che questi vadano a infilarsi nei nostri pori. Cosa fare quindi?

Anzitutto, curate la vostra routine di pulizia, provvedendo a detergere il viso sia di mattina che di sera. Poi, evitate di applicare prodotti molto siliconici, che hanno un effetto comedogenico. E infine, almeno una volta alla settimana, lavorate anche sulla disinfezione e sull’esfoliazione, facendo una maschera o – se prediligete i prodotti naturali – uno scrub con bicarbonato di sodio e succo di limone, applicando poi un tonico astringente. Ancora, per gli amanti dei prodotti naturali, potete fare una maschera astringente a base di albume d’uovo.

punti-neri

Gli errori da non fare

Bene, ora che sapete alla perfezione come eliminare i punti neri, facciamo un piccolo recap di tutte le cattive abitudini che portano a svilupparli e anzi, a farli moltiplicare a più non posso. Tra le prime cause dei punti neri troviamo l’andare a dormire truccati. Il make-up ha una naturale struttura oleosa, ed è spesso ricco in siliconi, il che già di per sé significa punti neri assicurati. Ma in più, nel corso della giornata, proprio a causa della sua struttura oleosa, è lì che si raccolgono smog e sporco. Insomma, se andate a dormire con il trucco è come se vi steste facendo una maschera notturna a base di sebo e smog.

Decisamente sconsigliato anche pensare di lavare il viso con il sapone per le mani: è troppo aggressivo e provoca l’effetto rebound e, infine, strizzare i punti neri con le dita. Non vogliamo contraddirci: potete farlo nell’ambito del trattamento casalingo, ma non fatelo d’abitudine, tutti i giorni, sia perché danneggereste la pelle sia perché le vostre mani sono un grosso veicolo di sebo e batteri. Insomma, prevenire è meglio che eliminare!

Giovanna Costahttps://mirodia.it
Appassionata di cosmesi sin da piccola, tanto da averne fatto il suo percorso non solo di studi, ma anche di vita, a Giovanna Costa dobbiamo nientepopodimeno che l’ideazione di questo blog.

Gli ultimi articoli